Follow by Email

venerdì 29 gennaio 2016

L'imperatore romano... gigante


Per gli studiosi ortodossi tutte le notizie relative alla scoperta di scheletri umani giganti riguarderebbero solo narrazioni di carattere mitologico e l'unica eccezione che sono disposti ad ammettere è l'esistenza di malattie genetiche note come il gigantismo e acromegalia.
(In questi casi però, anche se) Siamo  difronte a dei veri e propri giganti, si tratta di malati che faticano a stare in piedi senza stampelle...
....le cronache storiche ricordano le prodezze in battaglia di alcuni eroi dalla statura e dalla forza sovrumana.
Uno di questi casi riguarda..
...Un imperatore romano, Gaio Giulio Vero Massimino (Tracia, 173 d.C. - Aquileia romana, 10 maggio 238 d.C.), meglio noto come Massimino il Trace per via della sua origine barbarica era alto 2 metri e 52 cm e oltre ad essere intelligente e di bell'aspetto, possedeva forza, agilità e destrezza superiori a quelle di qualsiasi altro guerriero barbaro o romano.
Era un vero e proprio gigante sano e fisicamente prestante, la cui enorme statura non può essere confusa con una malattia.
I suoi contemporanei lo descrissero in questo modo: "Era imponente nella sua corporatura per la grande prestanza, famoso per il suo valore tra tutti i suoi commilitoni, bello e virile, fiero nel suo comportamento, duro, superbo, notevole ed allo stesso tempo giusto"; "era in grado di trascinare un carro a quattro ruote a forza di braccia, muovere da solo un carro carico di gente.....frantumare pietre di tufo, spaccare alcune piante in due, tanto da essere chiamato da alcuni Milone di Crotone, da altri Ercole da altri ancora il gigante Anteo".
(Historia Augusta, "I due Massimini")
Massimino divenne imperatore romano nel 235 d.C. per acclamazione diretta dei legionari e si distinse come grande condottiero.
Fu il primo soldato di origine barbarica a divenire imperatore senza previa approvazione del senato.
Nel 238 Massimino venne assassinato a tradimento insieme al figlio.
... I testi antichi di ogni angolo del mondo menzionano un'epoca remota in cui gli uomini avrebbero convissuto con alcune razze di giganti.
Esistono delle prove... che le famose ossa di giganti sono state scoperte per davvero.
Le istituzioni però non sono mai riuscite a evitare che queste prove sparissero rapidamente dalla vista del pubblico e degli stessi ricercatori accademici.
Tratto da "Scoperte archeologiche non autorizzate" di Marco Pizzuti

Nessun commento:

Posta un commento