Follow by Email

lunedì 7 marzo 2016

Omero e l'ambientazione nordica delle sue opere

Omero è  universalmente considerato il poeta e lo scrittore per eccellenza del mondo antico, ma fino a ora tutti i luoghi da lui dettagliatamente descritti nell'Iliade e nell'Odissea erano ritenuti pure invenzioni di fantasia, in quanto non avevano alcuna effettiva corrispondenza nella geografia del Mediterraneo. 
Un ingegnere nucleare italiano con una eccezionale passione per i poemi omerici ha fatto alcune clamorose scoperte che sembrano ribaltare definitivamente tale chiave di lettura.
Le prove raccolte dallo studioso italiano suffragano l'esplosiva ipotesi che sia i luoghi quanto le popolazioni e i miti dei poemi omerici abbiano avuto in realtà un'origine scandinava e che pertanto tutti gli avvenimenti narrati nell'Iliade e nell'Odissea andrebbero ricollocati nel Mar Baltico. 
 La tesi trova una serie di stupefacenti conferme nelle più recenti scoperte scientifiche e archeologiche. 
Il nome dello studioso che sta scuotendo il mondo accademico è  Felice Vinci e i suoi lavori di ricerca vengono ormai discussi nelle più  prestigiose università del mondo.
Con il suo approfonditissimo lavoro di ricerca, eseguito secondo la mentalità rigorosamente logica tipica di un ingegnere nucleare, che lascia poco spazio alla fantasia, Vinci ha infatti scoperto e dimostrato che tutti i luoghi descritti nei poemi omerici trovano il loro preciso corrispettivo geografico nei mari del nord.
Egli ha correttamente evidenziato l'esistenza di altre straordinarie "coincidenze" che riguardano sia il clima rigido descritto nell'Iliade e nell'Odissea, quanto i nomi propri dei luoghi, la loro morfologia e addirittura i giorni esatti di navigazione necessari per raggiungerli.
Vinci ha prodotto prove talmente schiaccianti a favore di questa rivoluzionaria tesi che chiunque studiando le sue opere non potrà non ammetterne la razionalità delle sue conclusioni. 
ritrovamenti misteriosi in fondo al Mar Baltico
Tratto da "Scoperte archeologiche non autorizzate" di Marco Pizzuti

Nessun commento:

Posta un commento