Follow by Email

martedì 26 luglio 2016

La cosmogonia glaciale di Horbiger


Pubblicata nel 1913 da Philip Fauth sostiene che la dinamica cosmica deriva dallo scontro tra la forza di attrazione del fuoco e quella di repulsione del ghiaccio.
Il sistema solare nasce dalla collisione tra un enorme corpo celeste ad altissima temperatura e un pianeta gigante formato dall'accumularsi del ghiaccio cosmico.
Così la luna cade sulla terra, provocando immani cataclismi.
Nel corso di milioni di anni nuove lune captate dalla terra si formano.
Horbiger sostiene che quella attuale è la quarta.
Ogni luna ha determinato un'epoca geologica, perché sono la sua dimensione e la sua forza di gravità a determinare le forme di vita sulla terra.
Nel momento in cui il satellite è più vicino e dimensioni e forza di gravità maggiori, si hanno sulla terra forme di vita gigantesche, perché maggiore è il peso che debbono sopportare.
Gli uomini risalgono alla seconda epoca geologica; quindici milioni di anni fa, nasce una civiltà di giganti telepati dotati di enorme energia psichica, distrutta dalla caduta della seconda luna.
I giganti superstiti si adattano al periodo della terza luna, più  piccola e lontana.
Ne rimane il ricordo nella mitologia, mentre nascono i nostri avi, più piccoli e meno dotati,  ma che si evolvono sino a costruire la civiltà mondiale di Atlantide, sotto la guida dei re giganti superstiti che son ben consci che anche la terza luna cadrà: il che avviene centocinquantamila anni fa.
L'umanità decade allo stadio animale.
Nascono razze nane sotto un cielo senza luce.
Per centocinquantamila anni si ha una nuova evoluzione concentrata nelle zone del pianeta che si trovano vicino al polo artico, ove sorge la nuova e più  modesta Atlantide che cresce sino a che, dodicimila anni fa, si forma la quarta luna.
La sua influenza determina nuovi cataclismi, rimasti nel ricordo nei miti della genesi e del diluvio.
I giganti degenerano, le civiltà decadono, ma in alcuni luoghi, dalla Cina all'Egitto, lentamente si ricostruiscono nel ricordo di doti e di sapienze antiche, embrioni di nuove strutture sociali.
Ma gli uomini di quest'epoca hanno dimenticato grandezze e apocalissi del passato e l'origine del rapporto tra l'uomo e gli eventi cosmici, ai quali si può risalire soltanto conoscendo le grandi leggi dell'universo....
I seguaci della dottrina di Horbiger ritroveranno l'antica sapienza e gli antichi poteri...
Tratto da "Hitler e il nazismo magico" di Giorgio Galli

Nessun commento:

Posta un commento