Follow by Email

mercoledì 11 gennaio 2017

L'antica tripartizione simbolica delle parole ariane

Le rune furono qualcosa di più di quello che sono le lettere in uso attualmente, anche più che segni sillabici o parole, furono cioè 'segni sacri', 'caratteri magici'.
Erano qualcosa di simile ai 'marchi degli spiriti' [
Geistersigille] (e non sigilli [Geistersiegel] dei tempi successivi).
Non erano niente di meno che 'contenitori' per l'autosuggestione di 'strumenti' per concentrare il pensiero e intensificare la meditazione.
La definizione di 'segni sacri' è quindi pienamente giustificata, così come il termine 'rune', cioè le 'sussurranti' [Rauneneden], le 'segretamente parlanti'.
Solo dopo si trasformarono progressivamente in lettere nel senso moderno del termine e cioè in segni fonetica vuoti e inarticolati.
La grande quantità degli altri 'segni sacri' o 'geroglifici' che non sono stati semplificati in segni fonetici,  furono sviluppati con elaborazioni successive in segni ornamentali più eleganti preservando le caratteristiche lineari di base della loro forma originaria e con la conseguente espansione dei loro nomi e delle loro valenze simboliche, costituirono il sistema geroglifico o pittografo degli Ariani che rimase un segreto degli scaldi.
Per decifrare tali simboli  bisogna ricostruire tramite i loro nomi le parole originarie e le idee che rappresentano e da ciò formare la base per la loro decifrazione e lettura.
L'antica tripartizione degli Ariani, che aveva le sue origini nella conoscenza intuitiva delle leggi del divenire della natura -dal seme del fiore al frutto che contiene un altro seme-  divenne l'imperativo essenziale degli popoli di questa cultura.
Troviamo nel loro linguaggio  (l'ario primitivo) la classificazione ideologica che distingue i concetti verbali in tre livelli:
1) 'crescere'
2)' essere, fare, regolare, lavorare..'
3) 'morire per rinascere'
In modo che ogni parola matrice primitiva radicale o originaria presenta un significato in ognuno di questi tre livelli.
Ogni livello viene ulteriormente suddiviso in tre sottolivelli con la stessa tendenza è ognuno di essi segue la stessa regola e così via, di modo che ogni parola primitiva radicale e originaria mostra almeno tre contenuti concettuali che si accrescono con questa triplice progressione.
Per esempio: 'Rauh' (grezzo) o 'Rauch' (scabro), nel suo 'livello di crescita' significa essere grezzo o ruvido all'opposto di liscio e quindi l'espressione 'sgrossare qualcosa' viene attribuita al primo livello cioè quello dei materiali grezzi o non lavorati.
Nel secondo livello quello del 'essere o governare' indica legge e giustizia [Recht] come in ' Rauch-Graf', 'Rauch-Huhn' ecc
Nel terzo livello del 'morire per rinascere' la parola è caratterizzata dall'espressione 'andare in fumo' [Rauch]; che indica il fumo del fuoco, la nebbia o la brina in quanto segni di distruzione.
Le recenti regole di sillabazione dividono ora questi tre concetti:
1) 'Rauh' (ruvido),
2) 'Rau' (rapina),
3) 'Rauch' (fumo)
Esempio la parola 'Rad' (ruota) è stata separata ortograficamente per indicare:
1) 'Rath' (consiglio, riunione) come significato e descrizione di una attività che promuove le cose
2) 'Rad' (ruota), la cosa che gira, incrementa e accresce
3) 'Ratte' (ratto) l'animale distruttore
Tratto da " Il segreto delle rune " di Guido von List

3 commenti: